Le fasi della produzione

La prima fase del processo produttivo della carta, è il caricamento delle ballette di cellulosa sul nastro di alimentazione del pulper. Questo (chiamato anche spappolatore) grazie all’azione combinata di una girante che ruota a forte velocità e dell’acqua, riduce i fogli di cellulosa in pasta di cellulosa pompabile.

Ciclo Produttivo
Ciclo Produttivo

 

La pasta ottenuta, con una densità prestabilita, grazie all’uso di speciali pompe viene inviata alle tine di stoccaggio.

All’interno delle tine la pasta viene continuamente mossa grazie all’azione cinetica degli agitatori.

Ciclo Produttivo

Nella fabbricazione della carta, le cellulose fornite dalle fabbriche di cellulosa, sono da considerarsi mezze paste, in quanto prima di essere utilizzate nella macchina continua, devono essere trasformate in paste finite di raffinazione. E’ quindi necessario un trattamento di “raffinazione”.

La pasta stoccata nelle tine, viene inviata ai raffinatori che le lavorano meccanicamente. Le fibre vengono costrette a passare all’interno di guarniture metalliche che pressano l’una sull’altra, impiegando l’acqua come mezzo.

 

La raffinazione permette di ottenere le caratteristiche meccaniche prescritte dal cliente al momento dell’ordine.

raffinatore

La pasta raffinata è pronta per essere inviata alla macchina continua.

 

La carta viene quindi avvolta al pope e pronta per essere ribobinata.

Ciclo Produttivo
Ciclo Produttivo

La ribobinatrice permette l’accoppiamento delle bobine di macchina per l’ottenimento delle jumbo-roll.

Ciclo Produttivo

Le bobine prodotte vengono stoccate nell’attesa di essere ritirate dal cliente.

Ciclo Produttivo